Scuola di Equitazione

Formazione Equestre

formazione equestre crispiano
La scuola di equitazione si avvale di un ampio maneggio, situato presso la sede dell'associazione Il Moro di Puglia a Crispiano, in provincia di Taranto.

Nel nostro maneggio la formazione equestre è affiancata dalla divulgazione dell’Arte Equestre tramite la conoscenza della razza autoctona Cavallo Murgese.
Pratichiamo anche l’educazione al viver sano, al contatto con la natura, da vivere con rispetto e cura.
Il Moro di Puglia si trova presso la Masseria Francesca, e ospita un allevamento della prestigiosa razza Murgese, al fine di impartire lezioni lezioni di equitazione e di alta scuola equestre, dedicati anche alle particolarità di questa razza equina.

La scuola di equitazione propone:

  • lezioni di formazione equestre base
  • lezioni di dressage
  • passeggiate  a cavallo e in carrozza
  • corsi e progetti Iippoterapia e Onoterapia
  • progetti didattici ippici (fattoria didattica)
  • corsi di addestramento cavalli 
  • corsi di formazione professionale per addestratori in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura- Regione Puglia
  • stage formativi equestri con istruttori nazionali e internazionali.

I corsi di  Alta Scuola comprendono degli stage col maestro Spagnolo Antonio Angulo Jemenez.
La scuola di equitazione, ospita anche frequenti stage di Horsemanship, al fine di migliorare il rapporto uomo/cavallo nei soggetti che desiderano avvicinarsi al mondo equestre.

L ’Associazione Il Moro di Puglia è anche un centro affiliato alla FITETEC- ANTE (Associazione Nazionale Turismo Equestre).
Partecipiamo a varie manifestazioni equestri in Italia, promuovendo la razza Cavallo Mugese presso la Fiera cavalli Verona, Milano cavalli, Roma cavalli, Fiera cavalli di Martina Franca e Noci, Nitriti di Primavera di Tuscania.

Il Cavallo Murgese

Il Moro di Puglia promuove e rappresenta il Cavallo Murgese con spettacoli equestri, in Italia e all’Estero, che comprendono anche costumi tipici e musica pugliese.

Il cavallo Murgese è l’espressione di un territorio unico nel suo genere: le Murge.
Nel comprensorio dei Trulli e delle Grotte, tra l’Adriatico e lo Jonio, si è evoluta questa meravigliosa razza di cavalli, le cui origini si fanno risalire circa al XIII secolo (1200), dai mitici destrieri dell’Imperatore Federico II di Svevia. 

Molte sono le tracce nei documenti storici che riguardano il cavallo Murgese, nel corso dei secoli.
Dal 1495 al 1530, la Repubblica di Venezia scelse la zona delle Murge per il più importante dei suoi allevamenti, con al centro la celebre masseria La Cavallerizza in agro di Monopoli, ancora oggi esistente.
Un grande allevatore, il Conte di Conversano, nel 1741 donò al Sovrano Austriaco, uno splendido stallone dal mantello Morello, che diede origine alla, oggi molto apprezzata linea Conversano del Cavallo di razza Lipizzana.

Nel 1800, durante il periodo del Brigantaggio altro riconoscimento viene dato alla razza Murgese, dovuto a l’impiego di essa da parte da parte dei Briganti.
Si narra che la cavalleria Savoiarda, famosa nel mondo per le eccellenti doti dei suoi Cavalleggeri, subì notevoli perdite, perché le famose cavalcature morelle dei Briganti ben si destreggiavano nell’aspro territorio calcareo, a differenza delle delicate Cavalcature Sabaude.
Nel 1922, viene posta la prima pietra dell’Istituto Incremento Ippico di Foggia e Taranto, a Foggia, inaugurato nel 1931.

Gli allevatori richiesero il libro genealogico della razza Murgese, e nel 1926 anche il Ministero Agricoltura e Foreste decise di agire in soccorso degli allevatori.
Nel 1948 un gruppo di 22 allevatori, in collaborazione con l’Ispettorato Agrario Ripartimentale di Bari e l’Istituto Incremento Ippico di Foggia, promosse la costituzione dell’Associazione Regionale Allevatori dell’Asino di Martina Franca e del Cavallo delle Murge, con sede a Martina Franca.

Dal 1956 si svolge ogni anno, nel primo week-end del mese di Dicembre, il Mercato Concorso del Cavallo delle Murge e dell’Asino di Martina Franca.
Un luogo dove gli allevatori presentano il meglio della produzione di 30 mesi, delle due razze. In tale occasione avviene l’iscrizione in razza al Registro Stalloni dei puledri di 30 mesi, organizzato dall’A.N.A.M.F (Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo delle Murge e dell’Asino di Martina Franca), in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, l’Associazione Italiana Allevatori (AIA) e la Regione Puglia- Assessorato Regionale Agricoltura.

Ad oggi, il Cavallo Murgese conta una consistente popolazione equina: per la maggior parte sono presenti soggetti dal tipico mantello Morello o Nero Corvino, e in minor numero, ma altrettanto apprezzati, i cavalli dal raro mantello Grigio Ferro o Testa di Moro.
Il Murgese viene impiegato nel Turismo Equestre, negli Attacchi Leggeri, Dressage, Ippoterapia e Alta Scuola.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Dove siamo